Legge 73 del 22 maggio 2010

Lavori senza DIA - Spiegazioni

Modifiche al Testo Unico Dell'Edilizia

Legge 73

Informazioni

Pianta

 

La Legge

 

La Legge n.73 del 22 Maggio 2010 (che sostituisce il Decreto Legge 25 marzo 2010 n.40) nell'art.5 va a modificare il DPR n.380 6 giugno 2001 del Testo Unico Dell’Edilizia.

 

Cosa comporta di fatto per il cittadino?

 

La nuova Legge comporta una semplificazione nelle procedure di richiesta al Comune per poter iniziare i Lavori nella propria casa o immobile, ma questo non significa che diminuiscono le responsabilità del Proprietario dell'Immobile, della Ditta che effettua i Lavori e del Tecnico che esegue il progetto. Con l'entrata in vigore della legge non è più necessario presentare una DIA con la conseguente attesa di 30 giorni per poter iniziare i lavori, ma si presenta una comunicazione di inizio attività, con relativi allegati, e i lavori potranno iniziare immediatamente.

E per Lavori iniziati o già terminati?

 

In caso i lavori siano già iniziati o finiti senza che abbiate presentato nessuna comunicazione al comune potete rimediare presentando la comunicazione (Legge n.73 in sanatoria) di lavori iniziati o finiti in modo che verranno sanati e regolarizzati pagando una ammenda, sempre dopo approvazione del progetto da parte del comune.

Che tipo di Lavori posso fare senza DIA?

 

Interventi di Manutenzione ordinaria e straordinaria che non alterino la sagoma dell’edificio, che quindi non modificano i prospetti dell'immobile; L’apertura di porte interne o lo spostamento di pareti interne, sempre che non riguardino le parti strutturali dell’edificio, non comportino aumento del numero delle unita immobiliari e non implichino incremento dei parametri urbanistici. Come meglio potete leggere nel Testo della legge consultabile dal nostro sito.

Tecnici e Studi Tecnici


Consigliati a Roma e Provincia